Solo dodici mesi fa Pharoh Cooper, che aveva rilevato un irritante Tavon Austin nel ruolo di ritornatore, si guadagnava la convocazione al Pro Bowl. Ieri, proprio nel giorno in cui sono stati annunciati i Pro Bowler (Gurley, Goff, Donald e Littleton per i Rams) Cooper è stato tagliato poche settimane dopo essere rientrato da un infortunio subito ad inizio stagione. Dal suo rientro, le performance di Cooper non erano state minimamente comparabili a quelle dello scorso anno e di inizio stagione. Cooper non era stato ingrado di riconquistarsi il posto di punt returner, rimasto a JoJo Natson che, al netto dell'errore di domenica, si sta comportando egregiamente, mentre aveva ripreso a ritornare i kickoff raggiungendo però una media di poco superiore alle 20 yard a ritorno, pegio delle 24,6 del suo sostituto Blake Countess che si mormorava dovesse già riprendersi il posto contro gli Eagles. Così non è stato, ma l'avvicendamento ha tardato di una sola settimana, poichè domenica contro i Cardinals sarà proprio Countess a ritornare i kickoff.
La scarsa produttività di Cooper non è il solo motivo che ha portato i Rams a decidere di fare a meno di lui.

Il running back Justin Davis è uscito malconcio dalla partita con i Bears e Gurley ha un ginocchio in disordine, lasciando il solo John Kelly come backup in caso di emergenza. Subito dopo la notizia del taglio di Cooper, infatti, è arrivata quella dell'ingaggio di C.J. Anderson, ex running back dei Denver Broncos, con due brevi apparizioni nei Carolina Panthers e negli Oakland Raiders. Undrafted free agent da Cal, quindi ben conosciuto da Goff, Anderson dovrebbe dare un po' di consistenza al reparto running back permettendo a Gurley di curarsi per bemne il ginocchio in vista dei playoff. Aspettiamoci quindi di vederlo spesso in campo assieme a Kelly.

0
0
0
s2sdefault