I Los Angeles Rams sbancano il Centurylink Field di Seattle e mettono due mani sul titolo divisionale della NFC West oltre che su uno spot ai playoff che manca ormai dal 2003, quando ancora gli Arieti dimoravano in quel di St.Louis.
La partita era considerata il punto cruciale della stagione non solo per entrambe le squadre. Per i Rams per il definitivo allungo verso la postseason che ora attende solo la matematica per essere confermato, e per i Seahawks per l’ultimo, disperato tentativo di restare aggrappato alla corona divisionale in una stagione piena di (pochi) alti e

0
0
0
s2sdefault

Lo showdown tra Los Angeles Rams e Philadelphia Eagles è andato in scena ieri al Los Angeles Memorial Coliseum e non ha assolutamente tradito le aspettative, risultando in una partita bella, spettacolare, piena di pathos e belle giocate. I 67mila del Coliseum, finalmente un pubblico decente per i Rams in casa, sebbene la presenza di fan degli Eagles fosse maggiore di quella dei fan dei Rams, non sono tornati a casa delusi dopo un pomeriggio in cui i colpi di scena si sono succeduti manco fosse un film di Hitchcock.
Pur spuntandola nel finale per 43-35, però, a Philadelphia non

0
0
0
s2sdefault

Ora è ufficiale: dopo 13 anni i Los Angeles Rams avranno una stagione vincente. La nona vittoria che sancisce il raggiungimento del tanto agognato traguardo è giunta contro gli Arizona Cardinals al termine di una gara che, pur non ricalcando il “massacro” di Twickenham, ha visto i Rams sempre in vantaggio e sempre in totale controllo dell’incontro, anche quando sembrava che i Cardinals fossero in grado di rimontare lo svantaggio iniziale.
Nel giorno in cui l’attacco tira un attimo il fiato e la difesa evidenzia una pericolosa vulnerabilità sulle corse, una

0
0
0
s2sdefault

Ad un anno esatto di distanza, Rams e Saints incrociano nuovamente i caschi (questa volta al Coliseum di Los Angeles), nella replica di una sfida che lo scorso anno vide Sean Payton battere uno degli ultimi colpi di martello sulla bara di Jeff Fisher, che sarebbe stato licenziato da lì ad un paio di settimane, oltre a prendersi una sonora rivincita sul suo ex defensive coordinator Greg Williams macinando yard e punti anche a punteggio ampiamente acquisito.
Questa volta i Rams non sono la vittima sacrificale, non ci sono rivincite ulteriori per i Sanits e la partita è di quelle di cartello, con

0
0
0
s2sdefault

Nello splendido scenario del nuovissimo U.S.Bank Stadium di Minneapolis, i Los Angeles Rams hanno ricevuto il primo vero “reality check” della stagione ad opera dei Minnesota Vikings, che aspirano legittimamente a diventare la prima squadra nella storia a disputare un Super Bowl tra le mura amiche.
Era una sfida tra division leader,  NFC North per i Vikings e NFC West per i Rams, per cui la partita rappresentava il primo test che i Rams sostenevano contro una squadra di livello superiore. “Playoff in November” titolavano alcuni giornali, e mai definizione poteva essere più

0
0
0
s2sdefault

Dopo un lungo girovagare tra costa est e Regno Unito, i Los Angeles Rams tornano al Coliseum e trovano una vittoria importante e sofferta contro gli Houston Texans per mantenere ad una partita di distanza i Seattle Seahawks nella corsa al titolo divisionale della NFC West.
Ad accoglierli la solita desolazione di un Coliseum pieno solo a metà, e se ad inizio stagione si potevano capire le defezioni dei tifosi dopo una stagione che definire deludente è poco, ora proprio non si capisce come il Coliseum non sia gremito in ogni ordine di posti, con la squadra che gioca un buon

0
0
0
s2sdefault

I Los Angeles Rams sono una delle poche squadre che finora, facendo i debiti scongiuri, non sono state colpite da grossi infortuni. Durnte la preseason erano finiti in injured list Tamarrick Hemingway, Lance Dunbar, Dominique Easley, Corey Harkey, Zach Laskey e Bradley Marquez, mentre durante la stagione i soli Cody Davis (contro Jacksonville) e Maurice Alexander (contro Dallas) hanno sostenuto infortuni tali da mettere fine alla loro stagione, mentre Lamarcus Joyner ha saltato la partita contro Dallas.
A prima vista può sembrare un bel numero di infrtunati, ma vi

0
0
0
s2sdefault

E’ passato solo un anno dalla sfida di Twickenham, dove i Giants riuscirono ad avere la meglio sui Rams per 17-10 grazie ai touchdown di Landon Collins e Rashad Jennings nel finale di partita, e tutto è cambiato. Jennings non c’è più e Landon Collins, nonostante sia stato il miglior placcatore dei suoi, non è riuscito ad arginare l’ondata in maglia bianca e blu che si è abbattuta sul MetLife Stadium riportando a Los Angeles sponda Rams una vittoria che in regular season mancava dal 2001. Anche Todd Gurley, uno dei grandi sconfitti della partita inglese della scorsa stagione, non è stato 

0
0
0
s2sdefault

Dopo la scoppola rimediata a Wembley contro i Patriots nel 2012 e la rimonta dei Giants lo scorso anno a Twickenham, i Rams tornano finalmente dalla trasferta oltreoceano con una vittoria. E che vittoria!
Il 33-0 con cui si conclude la sfida divisionale contro gli Arizona Cardinals dice molto ma non tutto dell’assoluto dominio che i Rams hanno esercitato sull’incontro, soprattutto dopo l’uscita per infortunio del quarterback di Arizona Carson Palmer, che ha fatto cadere nel baratro i Cardinals, già aggrappati, a quel punto, al bordo del burrone con la punta delle

0
0
0
s2sdefault

Con una prestazione solida e convincente i Rams si riprendono la vetta della NFC West (approfittando anche del bye di Seattle) sbancando l’EverBank Field di Jacksonville al termine di una gara piuttosto combattuta e gradevole da vedere, vinta 27-17.
Si, avete letto bene: gradevole, Rams e Jaguars tutto insieme nella stessa frase. Roba che anche solo lo scorso anno avrebbe destato più di una perplessità, invece in questa stagione i Jaguars sono una squadra in netta ascesa, con una difesa rispettabile ed un attacco ancora balbettante ma con un Leonard Fournette in grado di combinare

0
0
0
s2sdefault