Diamo il benvenuto sulle pagine di Ramsitalia a Giacomo, che ha accettato di contribuire saltuariamente  con degli articoli sui nostri amati Arieti. Questo è il suo primo, interessantissimo, spunto di riflessione sulla situazione attuale dei Rams.
 
Abbiamo vinto. Questa è la buona notizia e questa è anche "la" notizia, visto che mancavamo da un po' all'appuntamento con la prima casellina del record. Una vittoria che probabilmente è venuta più per demerito altrui che per merito dei nostri arietini, seppure si siano visti dei progressi. 
Massimo ha già detto tutto in merito, e molto bene. La linea comincia ad aprire qualche buco, Stacy sembra più determinato e più "punitivo" degli altri RB del fantomatico Commitee... rimangono tanti drop, poche idee nel play calling, penalità evitabili (ma molte meno), una secondaria ancora troppo perforabile, molti placcaggi sbagliati o non efficaci... 
Credo anche che Tavon Austin si sia già visto annullare un migliaio di yard da falli commessi (spesso senza reale necessità), durante i suoi ritorni di palla. 
Abbiamo vinto, ma non convinto. Onestamente, un tifoso Rams che ha visto la partita di ieri, non può sentirsi molto rincuorato; nemmeno il più ottimista. 
Ho letto di recente un bellissimo articolo sui ruoli, le responsabilità e gli errori dei vari "coach" in una squadra Nfl: molte considerazioni riportate in quell'articolo sono state fondamentali per far capire ad un "capatosta" come me, le dinamiche che probabilmente si stanno sviluppando anche in quel di Saint Louis. 

0
0
0
s2sdefault

Bravo Massimo!
Bravo, perché è nei momenti peggiori che si vedono gli uomini.
E proprio adesso (1-3), Massimo, decidere di cambiare il vestito… ma mantenere sempre intatta la nostra grande ‘fede’ nel simbolo (nonostante gli uomini…), è proprio una bella scelta.
E allora, perché abbiamo assistito a queste 3 (ma potevano già essere 4…) disfatte?

0
0
0
s2sdefault